ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design

548. Il ritorno della tigre

Tigri in India

Met√† delle tigri del mondo vivono in India. Il felino a strisce dagli occhi ammagliatori e il corpo possente √® un antico abitante di questa terra: le prime tigri sono scese in India dall’Asia settentrionale circa dodici mila anni fa, quando l’avanzare del ghiaccio rese inospitali le zone dove abitavano. Poi si sono diffuse in tutto il sub continente.


Purtroppo per√≤ non esiste alcun diritto di anzianit√† di coccupazione del territorio per gli animali, che hanno rischiato di essere anche tra le prime specie a scomparire dal subcontinente. Nonostante siano uno dei simboli dell’India e l’animale cavalcatura dell’amata dea Durga.


Ci sono per√≤ buone notizie: non solo si √® scongiurata la previsione dell’estinzione della tigre con il finire del secondo millennio, secondo l’ultimo censimento il numero della popolazione felina in India √® in leggera e incoraggiante crescita.
Dai 1706 esemplari contati nel 2010 a 2226 nel 2014 (il numero è indicativo, ricavato dai dati raccolti con le telecamere nascoste e altri avvistamenti).
C’√® ancora speranza per la sopravvivenza di questi splendidi ed elusivi animali.


La crescita della popolazione si deve alle politiche di conservazione della National Tiger Conservation Authority, creata dopo che una relazione scandalo aveva rivelato la completa scomparsa delle tigri dalla famosa riserva del Sariska Park nel 2004 e il palese fallimento del Project Tiger voluto da Indira Gandhi nel 1973.


Indira Gandhi aveva a suo tempo fatto molto per scongiurare l’estinzione delle tigri minacciate dalla scomparsa delle foreste e da secoli di caccia selvaggia, per esempio cre√≤ i primi nove parchi e ne rese illegale la caccia.
I primi a introdurre lo sport della caccia alla tigre su larga scala in India furono gli imperatori Moghul, seguiti da una folta schiera di variegati maharaja di diversi stati, una copiosa brigata di re, governanti, amministratori e nobili inglesi e, subito dopo l’indipendenza, chiunque avesse voglia di un trofeo da portarsi a casa. Oggi il nemico delle tigri numero uno √® il bracconiere, alla ricerca di denti e altre parti da vendere per la medicina tradizionale cinese.


La riorganizzazione del personale forestale, la dotazione di migliori apparecchiature e armi, la creazione di corridoi che permettono alle tigri di migrare da un parco a un altro per trovare nuovi territori in cui insediarsi e procreare, stanno funzionando. Il numero delle tigri sta aumentando.

Oggi √® possibile andare in uno dei 45 parchi nazionali e, se si √® discretamente fortunati, avvistare un felino nel suo ambiente naturale. Consultate l’infografica in questa pagina per sapere quali sono gli stati dell’India dove vivono pi√Ļ tigri e quali stanno facendo un buon lavoro per la sua preservazione.


Il parco che a noi ha portato maggior fortuna e dove siamo riusciti pi√Ļ di una volta ad avvistare il felino √® il Nagarhole National Park, nel sud del Karnataka, vicino ad altri due importanti parchi -il Bandipur e Madumalai National Park.

Nel parco si accede tramite safari operati dalla forestale tramite jeep e pulmini. Ci sono due safari al giorno, la mattina presto e la sera.


La foresta √® meravigliosa, non solo per la presenza delle tigri. Si dice che l’UNESCO stia considerando di inserirlo tra i siti patrimonio dell’umanit√†. Dista circa 50 km da Mysore e si estente per 640 km quadrati.




IN EVIDENZA

Una faccia una razza

Naturalmente non stiamo parlando dei greci, ma degli indiani: cosa hanno in comune gli italiani e gli indiani?

Una banca dati su foglie di palma

Bhrighu Samita: un database che ha tremila anni dove il futuro di ogni uomo √® scritto sulle foglie di palma. Perch√© nell’India tradizionale hindu ci sono cose che non vanno dimenticate.

Viaggiare sicuri in India

Vaccinazioni, profilassi, medicine...consigli pratici per godersi la vacanza e sfatare il mito di una terra ricca di insidie sanitarie.

Verso l'Himalaya lungo il Gange

Un itinerario partendo da Delhi attraverso Haridwar, Rishikesh e Mussorie, per stare nella natura e fare un'immersione nella spiritualità dell'India.

Addio a Abdul Kalam, l’uomo m...

E’ scomparso il dott. Abdul Kalam, scienziato, sognatore, presidente e maestro: l'India lo omaggia ricordando le sue parole.

Vavu Bali, il giorno degli antenati

Il giorno di luna nera dell'ultimo mese keralese, migliaia di persone celebrano uno speciale rito per assicurare la salvezza all'anima degli antenati.

Aloo Dum

Il piatto semplice e d’effetto che stupisce tutti. Perch√© non provare un Aloo Dum in occasione di un party o una grossa cena?

Unity in diversity…al Cinema

Il cinema in India non è solo Bollywood. Gli indiani sono tanti e parlano diverse lingue: i cinema regionali offrono a tutti il piacere di vedere un film nella propria lingua.

Torna Su