ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design

240. Guerra alla fame stagionale

una manciata di chicchi di cereali e la scritta: la banca del grano

Il cinque giugno √® stata la giornata mondiale dell’ambiente e il tema √® stato Think.Eat.Save (Pensa.Mangia.Risparmia), per incoraggiare la gente a mangiare con la testa, senza dimenticarsi di chi non sempre ha cibo nello stomaco.
La fame è una realtà in India (per circa un quarto della popolazione) e nelle settimane passate giornali e riviste ne hanno discusso, svelando numeri, problemi e soluzioni adottate per combattere la crisi. Una di successo, anche se in piccola scala, è la Banca del grano (Grain Bank).

Paradossalmente l’India √® una nazione che produce pi√Ļ cereali del fabbisogno interno, esporta riso e grano, ma patisce la fame –pi√Ļ dello Sri Lanka, Pakistan e Nepal secondo l’International Food Policy Research Institute. ¬†
Per far fronte alla situazione nel 1996 √® stato lanciato il progetto Village Grain Bank. Le banche sono un’assicurazione contro la fame nel caso di siccit√† o altre calamit√† naturali in aree dove le risorse alimentari sono scarse –regioni desertiche, villaggi in alta quota, aree tribali e zone difficilmente raggiungibili.
Le banche dei cereali non funzionano come una normale banca, ma non ci sono soldi: a circolare sono i cereali (soprattutto riso, grano e grano saraceno). Per chi vive da sempre in balia degli agenti atmosferici e della prepotenza degli usurai, una cinquantina di chili di riso pu√≤ significare vita o morte. A beneficiare del prestito sono i pi√Ļ poveri tra i poveri, i dalit (un tempo detti fuoricasta) che si impegnano a restituire la quantit√† prelevata con un interesse del 25% alla fine della stagione critica. Tuttavia gli interessi non sono riscossi se il debitore √® una vedova sotto il livello di povert√† o un disabile.


A istituire le banche sono i locali stessi –quasi sempre le donne del villaggio- organizzati in gruppi di muto-soccorso con l’aiuto di organizzazioni non governative o unit√† amministrative locali. 40-50 famiglie possono fondare una banca contribuendo con una quantit√† minima di cereali (solitamente tra 5 e 10 kg), godendo di un finanziamento statale.
Nel momento del bisogno coloro che sono sotto la soglia di povertà possono richiedere fino a 50 kg di cereali in prestito, evitando così di ricorrere a un usuraio e indebitarsi per generazioni e dover lavorare per poche rupie al giorno, magari lasciando il villaggio natale, per ripagare il debito.
Inoltre la creazione delle banche stimola un forte senso di comunione, solidariet√†, responsabilit√† sociale e promuove l’emancipazione femminile. Sono infatti quasi sempre le donne, le stesse che si occupano di sfamare e cucinare per la famiglia, ad amministrare le banche dei cereali. Con un maggior ruolo sociale le donne acquisiscono maggior sicurezza e molte frequentano classi serali per imparare a leggere e scrivere. La diversificazione dei cereali depositati contribuisce anche alla conservazione delle semenze locali.
Nei paesi dove sono attive le banche il cambiamento √® stato visibile. In alcuni casi il surplus di cereali ha permesso di aiutare i villaggi vicini in difficolt√† o generare entrate da reinvestire nella comunit√† (impianti di irrigazione, depurazione acqua, scuole…).¬†


Sembra quasi incredibile: una semplice idea e pochissime risorse finanziarie (l’investimento per ogni famiglia si aggira attorno ai 6 euro) possono rivoluzionare il destino di un villaggio e accendere la speranza per il futuro. Non sar√† la soluzione del problema per tutti, su larga scala, ma per qualcuno la banca dei cereali fa la differenza.

Crediti

Chicchi di cereali di Veganbaking.net

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic License.

IN EVIDENZA

Mi vuoi adottare?

Domenica 2 giugno i volontari e amanti degli animali di Trivandrum hanno realizzato un sogno: trovare casa a tanti cuccioli bisognosi.

La crescita del caffè

Cosa significa caffè in India? Quando e chi lo beve? Alcuni dati per conoscere una nuova tendenda indiana.

La capanna dell'artigianato

Amar Kutir, in West Bengal, promuove l'artigianato, il commercio equo e solidale e lo sviluppo rurale. Come? Con splendie borse di pelle e tessuti ricamati.

L'orto sul tetto

A Trivandrum, un interessante esperimento di agricoltura sostenibile: orti sul terrazzo, fertilizzati con i compost dei rifitui organici.

L'elefante con i sandali

Sandali di cuoio e gomma per i delicati piedi dei pachidermi.

Kerala: un modello di sviluppo sost...

Alto tasso di alfabetizzazione e di disoccupazione, sanità efficente e deficit pubblico. Le contraddizioni di una terra dove il PIL sembra essere meno importante degli indicatori sociali.

I nove semi della libertà

Partendo da un documentario di Maurizio Zaccaro, alcune suggestioni su Vandana Shiva che sarà a Perugia il prossimo nove novembre.

Cure mediche per ogni tasca (meglio...

In India aumentano velocemente malattie e PIL, continua a esistere la povertà e il sistema sanitario sta elaborando nuove strategie per rispondere ai bisogni dei pazienti.

Torna Su