ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design
ItalyIndia design

556. Thiruvananthapuram: missione shopping

shopping a Trivandrum

Natale si avvicina, fra poco si riparte con l’usuale corsa ai regali. Siete in vacanza a Trivandrum e non volete tornare a mani vuote, proprio in prossimità delle feste?
Dedichiamo questo post a tutti voi che siete o sarete in città e volete fare un po’ di shopping.
Trivandrum (nome indiano Thrituvananthapuram) non è il luogo ideale per lo shopping, soprattutto se la paragoniamo ad altri mercati dell’India dove potete davvero sbizzarrirvi a fare compere divertendovi – per esempio Jaipur in Rajasthan, Delhi con i suoi numerosi mercati per tutti i gusti, Mumbai e anche Bangalore.
Non è il massimo, ma c’è abbastanza merce da soddisfare più o meno tutti i gusti.

Dovendo cominciare a pensare ai regali di Natale io da qualche anno a questa parte -esaurite oramai tutte le idee più comuni come braccialetti snake, sciarpe di pashmina, incensi- cerco di comprare cose che siano anche eticamente sostenibili. Ovvero di acquistare presso organizzazioni non governative o cooperative attive in progetti sociali.
Purtroppo non è così facile a Trivandrum, sia perché ci sono pochi progetti attivi in città, sia perché quelli che si sono non hanno spazi espositivi e negozi di facile visibilità.


Vicino alla turistica Kovalam, a sinistra arrivando dalla città quando giungete all’incrocio principale per scendere al mare, c’è SISP, un’organizzazione che si occupa di educazione e sviluppo sociale. Hanno anche una sezione di produzione di artigianato. Qua potete comprare orecchini, collane, lampade e altri oggetti prodotti con la noce di cocco (omnipresente in Kerala). E’ interessante vedere le donne e i ragazzi intenti a trasformare una noce negli oggetti più svariati. Oppure ci sono collane e braccialetti fatti con i giornali e le riviste vecchie. I vostri regalini vi sono consegnati in ecologici sacchettini di carta di giornale.
Se preferite rimanere vicino alla spiaggia trovate il loro prodotti nel negozio Kovalam Surf Shop (davanti all’hotel Wilson) – infatti tra le varie attività SISP organizza anche corsi di surf per i ragazzi disagiati.

Decisamente fuori città, a circa 30 km, potete acquistare delle belle sciarpe tinte a mano, batik, orecchini di carta, oggetti di terracotta e borse per la spesa in fibra di cocco presso Mitraniketan. Investite almeno una mezza giornata, per spostarvi e passare un po’ di tempo nel campus tra persone accoglienti, pronte a spiegarvi le proprie attività in questo angolo di pace immerso nel verde biologico (contattate Bina).



hLungo la via principale MG Road (come la nostra via Roma), c’è il cuore commerciale della città. Tra i numerosi negozi trovate anche i negozi di artigianato dove comprando sostenete l’attività degli artigiani locali e in giro per il Paese. Il negozio che noi preferiamo, per il rapporto qualità-prezzo e spazio espositivo con aria condizionata, è il Khadi Gramodyog Bhavan che si trova davanti all’Ayurvedic College. Al piano terra ci sono le stoffe di khadi e altre tessute a mano, un reparto di cosmesi e medicinali a base naturale, mentre al piano superiore trovate una zona dedicata al Kerala, con statue di elefanti di rosewood, un legno scuro molto duro da scolpire e oggetti provenienti da tutta l’India.



Non volendo cercare artigianato e commercio solidale a Trivadrum ci sono diversi negozi della catena Fabidindia, dove comprare bei vestiti di ispirazione, disegno e colori indiani, arredo per la casa, bigiotteria e prodotti di bellezza e dietetici (biologici, naturalmente!). Vi consiglio di andare nel negozio più ben fornito che si trova in una vecchia casa tradizionale in Kowdiar. Si trova sempre qualcosa di interessante. Il negozio è aperto dalle 10:30 di mattina fino alle 8:30, tutti i giorni della settimana.

Per acquistare stoffe o vestiti indiani non c’è che l’imbarazzo della scelta lungo MG Road e nelle vicinanze. Per i tessuti un magazzino storico, con grande assortimento e prezzi modici è Parthas, vicino alla stazione centrale.

Se state cercando tè, caffè, anacardi e spezie, il nostro negozietto di riferimento è Sankar’s tea and coffee, in MG Road vicino all’ufficio postale.



Forse non per acquistare, ma come esplorazione sociologica, vi consigliamo anche di fare un giro da Pothys, (aperto tutti i giorni dalle 10 alle 9) una sorta di centro commerciale molto popolare su diversi piani in MG Road (se ci andate di sabato pomeriggio o domenica non penserete mai più che a Natale i negozi in Italia siano affollati), oppure andare a curiosare tra i negozietti di Chala Market, il più grande e vivo bazar della città – proprio difronte al cuore della città che è il tempio di Padmanabha.



Tornando da dove siamo partiti, a Kovalam ci sono numerosi negozi di artigianato indiano –lo stesso che si ritrova in tutte le località turistiche in India e nelle bancarelle orientali in giro per il mondo. Vestiti colorati, gioielli d’argento, pashmine, scialli di seta, di cotone, di lana…Senza fretta potete entrare in diversi negozi (molti dei quali sono di kashmiriani in trasferta), dare un’occhiata alla mercanzia, accettare gli inviti a bere un tè e lanciarvi in contrattazioni furiose quando trovate l’oggetto dei vostri desideri. E dopo lo shopping sorseggiare un cocco sulla sdraio in spiaggia o una birra in uno dei numerosi ristoranti lungo mare.



Ultimo consiglio: cambiate un po’ di soldi prima di lanciarvi a fare shopping, in molti dei negozi sopramenzionati è possibile pagare con carta di credito, ma in quelli più piccoli si accetta solo moneta locale.

IN EVIDENZA

Una faccia una razza

Naturalmente non stiamo parlando dei greci, ma degli indiani: cosa hanno in comune gli italiani e gli indiani?

Una banca dati su foglie di palma

Bhrighu Samita: un database che ha tremila anni dove il futuro di ogni uomo è scritto sulle foglie di palma. Perché nell’India tradizionale hindu ci sono cose che non vanno dimenticate.

Viaggiare sicuri in India

Vaccinazioni, profilassi, medicine...consigli pratici per godersi la vacanza e sfatare il mito di una terra ricca di insidie sanitarie.

Verso l'Himalaya lungo il Gange

Un itinerario partendo da Delhi attraverso Haridwar, Rishikesh e Mussorie, per stare nella natura e fare un'immersione nella spiritualità dell'India.

Addio a Abdul Kalam, l’uomo m...

E’ scomparso il dott. Abdul Kalam, scienziato, sognatore, presidente e maestro: l'India lo omaggia ricordando le sue parole.

Vavu Bali, il giorno degli antenati

Il giorno di luna nera dell'ultimo mese keralese, migliaia di persone celebrano uno speciale rito per assicurare la salvezza all'anima degli antenati.

Aloo Dum

Il piatto semplice e d’effetto che stupisce tutti. Perché non provare un Aloo Dum in occasione di un party o una grossa cena?

Unity in diversity…al Cinema

Il cinema in India non è solo Bollywood. Gli indiani sono tanti e parlano diverse lingue: i cinema regionali offrono a tutti il piacere di vedere un film nella propria lingua.

Torna Su